Terpin, Ierman, De Vecchi sono i campioni 2013 della Gorizia Corse - Scuderia Gorizia Corse A.S.D.

Intestazione top
Logo 50
Logo 50 mini
Vai ai contenuti
26 febbraio 2014
TERPIN, IERMAN E DE VECCHI I CAMPIONI 2013 DELLA GORIZIA CORSE

Passione, convivialità ed entusiasmo sono stati gli elementi portanti della tradizionale cena sociale della Scuderia Gorizia Corse durante la quale sono stati premiati i protagonisti della stagione automobilistica 2013.
I primi riconoscimenti consegnati dal presidente Franco Moise sono andati ai collaboratori Giovanni Franzoni "Franz", Silvano Grendene, Paolo Drioli e Barbara Alt e alla squadra assistenza Sbf Rally Hard rappresentata da Lorenzo Franzoni, Walter Vida e Manuel Terpin.
Nel settore gimkane si sono distinti Fabio Grendene e Michele Magris mentre nel settore velocità i premi sono andati a Stefano Saksida, Andrea Jurincich e Marco De Vecchi.
Premiati nel settore rally i navigatori debuttanti Lorenzo Lamanda e Giovanni Di Lorenzo, il pilota Angelo Martinis, il pilota Luigi Terpin (quarto assoluto al Rally Piancavallo storico), i navigatori Emanuela Florean e Enrico Valle, il pilota-navigatore Luca Benossi e gli equipaggi Giulio Gherardini-Peter Povsic, Nicola Frandoli-Alberto Grassi, Federico Laurencich-Alberto Mlakar (quinti assoluti al Rally Friuli Venezia Giulia), Cristian Terpin-Stefano Ierman, Alessandro Cepek-Lara Mondo.
Il premio di migliore pilota è andato a Marco De Vecchi (purtroppo assente) vincitore del Trofeo Velocità Montagna Nord, il premio di migliore navigatore, come nel 2012, è andato a Stefano Ierman che ha vinto assieme al pilota Cristian Terpin, per questo premiato con un trofeo dedicato, il Challenge Rally Nazionali di 4^ e 5^ Zona.
Hanno presenziato alle premiazioni l'assessore comunale Stefano Ceretta, l'assessore provinciale Vesna Tomsic, il presidente Cristina Pagliara e il direttore Marco Mirandola per l'Automobile Club Gorizia, il presidente dell'Associazione Ufficiali di Gara di Gorizia  Valter Moro.
Testo: Luca Benossi © Scuderia Gorizia Corse 2014
Foto: Paolo Drioli
Torna ai contenuti