Lavanttal Rallye 2016 - Scuderia Gorizia Corse A.S.D.

Intestazione top
Logo 50
Logo 50 mini
Vai ai contenuti
11 aprile 2016
DOPPIO PRIMATO PER EMANUELA FLOREAN AL LAVANTTAL RALLYE

Venerdì 8 e sabato 9 aprile nel land della Carinzia in Austria, confinante col Friuli-Venezia Giulia, si è disputato il tradizionale Lavanttal Rallye valido per il campionato austriaco e a livello internazionale per la Mitropa Rally Cup, gloriosa serie mitteleuropea giunta alla cinquantaduesima edizione.
Tra gli 83 equipaggi di 10 nazioni, di cui tre italiani, ben 29 erano i concorrenti Mitropa di cui 20 con autovetture moderne e 9 con autovetture storiche.
I colori della Scuderia Gorizia Corse sono stati difesi dalla navigatrice ronchese Emanuela Florean che ha affiancato il pilota aretino Norberto Droandi, presidente della Mitropa, su una Peugeot 106 di 1.600 cc.
Decisamente impegnativo il percorso con 192 km cronometrati, su 402 totali, per 12 prove speciali medio-veloci, scivolose, alcune miste terra-asfalto di notevole lunghezza di cui una al buio, con pioggia il primo giorno e al termine del secondo.
Dopo le quattro prove del venerdì l’affiatato duo si è posizionato al 56° posto assoluto, secondo tra gli italiani e primo ed unico della classe 7.4.
Nelle prime prove del sabato l’equipaggio toscano-isontino ha aumentato il ritmo risalendo in classifica al 52° posto assoluto e al primo tra gli italiani.
Nelle restanti prove hanno continuato a divertirsi e a scalare con perizia le classifiche.
Al traguardo di Wolfsberg Norberto Droandi-Emanuela Florean hanno concluso al 44° posto assoluto, 11° di Mitropa tra le autovetture moderne, 4° di Mitropa vetture a due ruote motrici e hanno conquistato il doppio primato tra gli equipaggi italiani e di classe 7.4 con la relativa coppa consegnata in un festoso ed affollato palasport adibito per le premiazioni.
La piena soddisfazione sportiva conclude la piacevole trasferta turistica e gastronomica condivisa con gli appassionati amici.
Testo: Luca Benossi © Scuderia Gorizia Corse 2016
Foto: Paolo Drioli
Torna ai contenuti